Cantina Antinori nel Chianti Classico: il vino tra arte e futuro

È un’incisione sottile e profonda nella collina. Emozionante come i preziosissimi Tagli di Lucio Fontana. E come nelle opere del grande artista, anche qui, sulle colline che corrono parallele alla superstrada verso Siena, si apre una dimensione nuova. Dentro la terra.  Si trova infatti a Bargino, nel Comune di San Casciano Val di Pesa, mezz’ora d’auto dal cuore rinascimentale di Firenze, il nuovo quartier generale Marchesi Antinori e la nuova Cantina del Chianti Classico. Un’opera di architettura straordinaria che si nasconde tra gli ulivi, i vigneti, i boschi di querce e lecci. Un antro segreto dove il vino e il suo farsi sono il centro di ogni percorso, produttivo e di visita. Un tempio dedicato al vino ma soprattutto un omaggio al paesaggio toscano e alle sue vigne. Inviolato, anzi abbellito dalle maestrie dell’uomo, come succede da secoli nella campagna toscana. Nel cuore del Chianti Classico, terra di origine della famiglia Antinori, approda il futuro di vinattieri con una sola passione da 26 generazioni, fare grandi vini. Questo “nuovo palazzo” nato nella terra, ricoperto di viti, è la sintesi di un saper fare italiano di qualità. Che ha nella famiglia e nella storia la sua forza. “La linea familiare nella conduzione e nel continuo miglioramento delle nostre vigne e delle nostre cantine non è una scelta sentimentale, il ripetersi forzato di una tradizione, ma il modo più idoneo, forse l’unico con il quale si possa fare al meglio, nel tempo, il proprio lavoro” ha scritto poco tempo fa Piero Antinori nel suo libro ‘Il Profumo del Chianti’.  Il Festival Melodia del Vino 2013 si aprirà il prossimo 26 giugno negli spazi scenografici della Cantina Antinori nel Chianti Classico. Visita il sito web, clicca qui

Informazioni pacchetti soggiorno 

Tenuta Rocca di Frassinello: tra musica classica e vini locali

In un paesaggio quasi incontaminato, ricco di storia, cultura e tradizioni, si trova Rocca di Frassinello. Il progetto nasce grazie alla collaborazione tra due leader del settore vinicolo; per la prima volta l’azienda locale Castellare di Castellina amplia i suoi orizzonti in ambito internazionale, stringendo un’intesa con la francese Domaines Baron de Rothschild-Lafite. La cantina di Rocca di Frassinello è stata ideata da uno degli architetti più eccelsi di fama mondiale, ovvero Renzo Piano. La sua firma ha contribuito ad affermare il successo del progetto: qui eleganza e armonia si fondono insieme senza rinunciare alla funzionalità dello stabilimento. La barriccaia è un ottimo esempio di incontro tra incanto e praticità: i raggi del sole entrano dall’alto all’interno dello spazio che assume l’importanza di un vero e proprio teatro. La struttura è inoltre conosciuta per aver adottato una filosofia ecosostenibile per la realizzazione dei vini. Lo spazio scenico della cantina, la natura circostante e l’attenzione all’ambiente fanno di Rocca di Frassinello un luogo ideale per ospitare una coinvolgente esecuzione musicale del Festival “Melodia del Vino”.  Visita il sito web della Tenuta Rocca di Frassinello.

Informazioni pacchetti soggiorno 

Tenuta Rocca di Montemassi: la campagna maremmana ospita il Festival

Una delle location più emozionanti che ospiterà il Festival è la Rocca di Montemassi, nel cuore della Maremma. La proprietà si trova a Roccastrada in provincia di Grosseto, immersa nella cornice tipica della campagna toscana: da un lato le colline metallifere ricoperte da oliveti regalano profumi intensi, dall’altro lato la costa mediterranea trasmette colori e aromi unici. La zona ha ottenuto la denominazione DOC Monteregio e risulta quindi particolarmente vocata per la produzione di vini di alta qualità. L’unicità della Rocca è dovuta alla tradizione e alla storia del vino; inoltre la struttura ospita anche il Museo della Civiltà Rurale. Il museo è nato da un’idea di Gianni e Silvana Zonin per valorizzare le terre della Maremma, trasmettere le testimonianze delle antiche e genuine tradizioni e coinvolgere le giovani generazioni nella salvaguardia dei valori. La tenuta Rocca di Montemassi è quindi un palcoscenico adatto per ospitare il Festival. Visita il sito web della Tenuta Rocca di Montemassi.

Informazioni pacchetti soggiorno 

La bontà del vino e l’eleganza della musica a Castello Banfi

Le terre di Siena, uno dei territori più suggestivi al mondo, ospitano il Festival Melodia del Vino: è infatti l’affascinante cornice del Castello Banfi la location del concerto – evento dove l’armonia della musica avrà modo di unirsi alla tradizione della cultura vitivinicola. Adagiata tra i fiumi Orcia e Ombrone, la tenuta Banfi si estende nel versante meridionale di Montalcino con circa tremila ettari di proprietà, di cui ben ottocentocinquanta dedicati a vigneti altamente specializzati, a testimoniare un patrimonio ed una esperienza produttiva unica nel suo genere. Il rispetto per la vocazione del territorio e la volontà di esaltarne le caratteristiche hanno sempre ispirato la produzione Banfi con vini di grande personalità, sempre e comunque contraddistinti da un’anima fortemente legata alla terra. Un binomio molto sentito dall’azienda è quello dell’unione tra territorio, vino e cultura che si sviluppa attraverso numerosi eventi: in questo contesto culturale si inserisce anche il Museo del Vino e del Vetro che occupa alcune delle sale del Castello. Qui si può ammirare la più grande collezione privata di vetri del periodo della Roma Imperiale, oltre a rarissimi oggetti di epoche diverse, fino ai giorni nostri. Visita il sito web di Castello Banfi e Castello Banfi Il Borgo.

Informazioni pacchetti soggiorno 

Petra: connubio perfetto tra tradizione e modernità 

Nell’incantevole zona di Suvereto, in provincia di Livorno, sorge Petra, la quale farà da sfondo agli eventi del Festival “Melodia del Vino” in estate. La tenuta si estende su trecento ettari di vigneti, boschi e uliveti; la storia e la tradizione agricola si fondono con l’innovazione e l’impegno verso il miglioramento. Le peculiarità del territorio rendono l’area viticola eccezionale ed esclusiva. Il progetto nasce dalla passione di Vittorio Moretti e di sua figlia Francesca che hanno deciso di chiamare la tenuta “PETRA” proprio per testimoniare la solidità della cultura e dei valori del luogo. La struttura è stata realizzata da Mario Botta e vuole essere espressione dei principi dell’azienda: lavoro e accoglienza. La maestosità della tenuta si sposa perfettamente con le colline circostanti maremmane, con il mare, con le case coloniche sparse e gli oliveti.  Visita il sito web della Cantina Petra.

Informazioni pacchetti soggiorno

Napoleone e musica: tappa all’Isola d’Elba in occasione del bicentenario

 

Villa San Martino fu la residenza estiva di Napoleone, che acquistò l’edificio e lo fece restaurare e decorare dal pittore Reveli. Accanto ad esso il principe Anatolio Demidoff, ammiratore di Napoleone, fece costruire la struttura in stile neoclassico. Infatti questa conserva stampe con soggetto napoleonico ed è sede di mostre temporanee.

 

Leave a Reply